fbpx
NEWS

NEWS (419)

24 Novembre 2020

Confartigianato Pistoia organizza un incontro in Diretta Facebook con Alessandro Tomasi Sindaco di Pistoia e il Presidente della Provincia Luca Marmo per affrontare i tanti temi legati alle difficoltà delle imprese chiuse (commercio , estetica ) e anche di quelle attività che pur rimanendo aperte, versano in enormi difficoltà economiche. I nostri ospiti ne parleranno con Alessandro Corrieri  e Alessandro Pellegrini, Presidente e Segretario di Confartigianato Pistoia Invitiamo imprenditori e cittadini a seguire la diretta durante la quale potranno rivolgere le loro domande ai nostri ospiti. Per chi volesse anticiparci le domande può farlo a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

24 Novembre 2020

Confartigianato Pistoia attraverso il Presidente provinciale Acconciatori, Hugo Morrone, precisa che facendo riferimento  alla norma  174/2005, dove si prevede all’articolo 3, la possibilità di svolgere l’attività presso la sede designata dal cliente, essa specifica altresì che ciò deve avvenire “nel rispetto dei criteri stabiliti dalle leggi e dai regolamenti regionali”.

La Legge Regionale n. 29 del 3 giugno 2013, all’art 4 comma 3 a chiare lettere, quindi in modo inequivocabile, descrive i casi in cui il lavoro dell’Acconciatore può essere svolto presso il domicilio del cliente: “Le imprese titolate all’esercizio dell’attività di acconciature in sede fissa possono esercitare l’attività anche presso la sede designata dal cliente in caso di sua malattia o altro impedimento fisico oppure, nel caso in cui il cliente sia impegnato in attività sportive, in manifestazioni legate alla moda o allo spettacolo o in occasione di cerimonie o di particolari eventi fieristici  o promozionali”

Integrando la lettura della suddetta normativa con il DPCM del 3 novembre 2020, la cui ratio legis consiste in via prioritaria nel limitare i movimenti ed i contatti fra le persone ai fini del contenimento della pandemia, appare evidente che in caso di servizio a domicilio questo non garantisca , in questo momento,  in alcun modo il rispetto delle procedure  previste dai protocolli sanitari, questo perché il ricorso al lavoro a domicilio andrebbe a moltiplicare i contatti fra persone in ambienti non controllati e non controllabili oltretutto con persone con patologie.

 Se non vogliamo rispettare le norme, rispettiamo la Salute.

23 Novembre 2020

 L'intervista di TVL TVlibera pISTOIA al Presidente  Alessandro Corrieri  riguardo all'appello lanciato al Prefetto di Pistoia su le tante difficoltà che le imprese stanno attraversando in questo periodo, difficoltà che stanno creando un profondo disagio sia economico sia sociale.

 

23 Novembre 2020

Confartigianato Imprese Sondrio  promuove  un webinar per produttori, rivenditori e posatori di serramenti dedicato a eco-superbonus per Sabato 28 novembre dalle ore 9:00 alle 13:30

L'evento andrà in profondità sulle novità degli incentivi per efficientamento energetico a disposizione del serramentista.

Media Partner::  DBInformation,  Guidafinestra, Showroom Porte&Finestre. In Collaborazione con Confartiginato Brescia e Lombardia Orientale.


La partecipazione è Gratuita per aziende associate a Confartigianato.

Le aziende NON associate possono partecipare previo pagamento di euro 120,00+IVA.

 

Info e adesioni:

https://confartigianatoimpresesondrio.gr8.com/

 

22 Novembre 2020

L’EMERGENZA SANITARIA DETERMINA UN GANDE MALESSERE ECONOMICO CHE RISCHIA DI TRASFORMARSI IN MALESSERE SOCIALE: LA FORTE PREOCCUPAZIONE DENUNCIATA DAL PRESIDENTE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE AL PREFETTO DI PISTOIA.

Il presidente provinciale di Confartigianato Imprese Pistoia  Alessandro Corrieri ha inviato al Prefetto di Pistoia un appello in merito ad alcune questioni che stanno creando profondo disagio sia economico sia sociale, ed è questa la più forte preoccupazione dell’Associazione.

Corrieri ha fatto presente al Prefetto alcuni aspetti molto controversi del DPCM del 3 novembre scorso in merito ad esempio alle attività di Estetica, che non possono operare nei territori classificati in “zona rossa” come attualmente è la Toscana. “Da sempre l’attività dei Centri Estetici richiede il rispetto di una normativa specifica, la quale prevede l’adozione di un rigido protocollo di sicurezza e igiene a tutela della salute dei Clienti.  Un protocollo che con la pandemia da Covid 19 è stato integrato con ulteriore misure restrittive, adottate dalla Categoria con impiego di risorse non indifferenti”

Per questi motivi, afferma il Presidente Corrieri, “il divieto di esercitare l’attività è interpretato come immotivato e incomprensibile, visto il protocollo sanitario adottato da sempre, se non come una penalizzazione arbitraria nei confronti dei Titolari di questa tipologia di attività”.  E quindi, afferma Corrieri, “riteniamo assolutamente necessario provvedere ad autorizzare la loro riapertura

Il Presidente dell’Associazione ha evidenziato al Prefetto un secondo aspetto riferito “alla forte preoccupazione degli Imprenditori titolari delle “tante attività aperte” che a causa dei divieti alla mobilità non vedono Clienti e quindi non incassano mentre si assiste ad incrementi di fatturato da parte delle piattaforme di commercio on-line”.

Questa situazione, denuncia il Presidente Corrieri, è aggravata dalla mancanza di interventi economici e di rinvii di scadenze fiscali e tributarie nei Decreti ristori a favore delle “tante attività aperte”. “Ai nostri Uffici, prosegue Corrieri, si sta rivolgendo un numero sempre maggiore di Imprenditori che ci segnalano le loro forti preoccupazioni per un prossimo collasso finanziario. Un collasso, assolutamente da prevenire per evitare che si trasformi in un collasso sociale con potenzialità di infiltrazioni malavitose”.

 

Nel mentre il Presidente di Confartigianato, riprendendo l’appello lanciato qualche giorno fa, ribadisce la necessità di uno scrupoloso rispetto delle regole di autotutela e di non sottovalutare la pandemi,  Corrieri conclude l’appello al Prefetto, quale rappresentante del Governo, affinché si faccia portavoce nelle sedi opportune di questa grave situazione della Provincia di Pistoia, sollecitando l’adozione di misure concrete ed immediate tali da prevenire sul nascere un incontenibile e incontrollabile malessere sociale

20 Novembre 2020

Il Governo starebbe per mettere a punto ulteriori misure di sospensione dei versamenti fiscali per sostenere le imprese colpite dalle restrizioni anti-Covid. Le sospensioni del pagamento delle tasse riguarderebbe tutta l’Italia e le imprese fino a 50 milioni di euro di fatturato che abbiano subito perdite di almeno il 33 per cento. I calcoli per definire il calo di volume d’affare e corrispettivi, ancora in fase di costruzione, dovrebbero essere basati sul confronto fra il primo semestre 2020 e lo stesso periodo del 2019 per le tasse in scadenza a novembre e spostarsi al novembre 2020, rapportato allo stesse mese dell’anno scorso, per i versamenti di dicembre. Queste misure dovrebbero trovare posto nel decreto Ristori-quater, in programma la prossima settimana per il varo dal parte del Governo, dopo la richiesta al Parlamento un nuovo scostamento di bilancio di 7 miliardi di euro e dopo il Decreto Ristori-ter che potrebbe essere approvato già oggi dal Consiglio dei Ministri con l’obiettivo di estendere gli aiuti alle nuove zone rosse e arancioni.

Sul rinvio dei versamenti fiscali attesi il 30 novembre, gli acconti Ires, Irap e Irpef, si è espresso ieri il Vice Ministro dell’Economia Antonio Misiani il quale, in un’intervista a Radio24, ha detto che “il tema è oggetto della valutazione al ministero dell’Economia e sarà discusso in maggioranza e al governo. Molto dipende dalla durata e dall’evoluzione delle misure restrittive: se verranno prorogate e dureranno oltre il mese di novembre, è chiaro che come già annunciato da Gualtieri la discussione riguarderà anche le scadenze di fine novembre e del mese di dicembre”.

 

20 Novembre 2020

Confartigianato , in collaborazione con  il  CEI (Comitato  Elettrotecnico  Italiano), organizza webinar "Il valore della Dichiarazione di Conformità e il ruolo della normazione tecnica". 

L'evento si terrà Giovedì 26 novembre p.v. a partire dalle ore 14:00

Il seminario è realizzato nell’ottica di  favorire l’aggiornamento professionale e offrire un supporto concreto allo svolgimento  dell’attività lavorativa  dell’impiantista,  in linea con le evoluzioni normative e tecnologiche del settore. Il webinar si pone l’obiettivo di sottolineare  l’importanza  del valore della  Dichiarazione  di Conformità  quale  documento conclusivo del  processo  lavorativo  dell’installatore  di  impianti e di evidenziare come la normazione tecnica possa assicurare uno standard qualitativo minimo di accettabilità del prodotto/servizio in termini di utilizzabilità,  durata,  affidabilità  e sicurezza.  Infatti,  se  si opera  in  accordo  alle  norme tecniche volontarie del CEI per componenti  attrezzature  ed impianti  elettrici,  queste  realizzazioni  si  possono considerare  eseguite  a  regola dell'arte.
Verranno  presentate  le principali  novità normative  a livello impiantistico,  che  garantiscono  ai  consumatori  (e  agli impiantisti stessi) le condizioni fondamentali  di  sicurezza,  la convenzione  CEI/Confartigianato, utile per avere l’accesso online alle Norme e alle Guide Tecniche CEI a condizioni particolarmente vantaggiose  e  il Catalogo  Guidato  CEI  per orientarsi  nel ricco  mondo delle norme.

La partecipazione è gratuita.
Per le modalità di iscrizione è necessario rivolgersi all'Ufficio Categorie di Confartigianato Imprese Pistoia: Massimo Bianchi Tel. 0573 937886 e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

19 Novembre 2020

AGGIORNAMENTO 

Alleghiamo il  modello  per l'indagine aziendale per la zona di Pistoia.

Ricordiamo che per la Valdinievole la e-mail: igieneThis email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

In allegato le circolari di riferimento sulla sanificazione  circolare 1circolare 2

 Per chi vuole farsela compilare e inviare da noi il costo sarà di € 50 +iva.  

In caso di dubbi o perplessità vi potete rivolgere ai nostri uffici per la sicurezza sul lavoro:

 

️Silvia Marengo
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 0573 937.871

️ Lorenzini Alessandro
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 0573 937.883

️Battistini Lucia
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 0573 937.884

️Sandro Natali
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 0573 937.880

️Buzzegoli Leonardo 0573 937.876
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

16 Novembre 2020

Tornano le dirette facebook di Confartigianato Pistoia questa volta per parlare di innovazione del prodotto e artigianalità digitale.
Lo faremo con due esperti del settore come Andrea Scalia Responsabile Innovazione di Confartigianato Nazionale e Lorenzo Melani ideatore del progetto Collezioni Laurus .Una chiaccherata che ci permetterà di capire quali sono le opportunità per le imprese su temi importanti come il #digitale #ricerca e #innovazione. L'incontro sarà moderato dal responsabile dell'ufficio Categorie Marco Nannini insieme al collega Massimo Bianchi responsabile dello sportello Digital Innovation Hub di Confartigianato Pistoia.
 
Per informazioni
 
Ufficio Categorie Massimo Bianchi
Tel 0573/937886
email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
 
 

16 Novembre 2020

Dpcm 3 novembre 2020 individua tre aree, corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio, per le quali sono previste specifiche misure restrittive.

In base alle Ordinanze del Ministro della Salute del 4 novembre10 novembre e del 13 novembre sono ricomprese:

  • nell'Area gialla: Lazio, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto.
  • nell'Area arancione: Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Umbria.
  • nell'Area rossa: Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d'Aosta.

 La sezione faq, inclusa la mappa esemplificativa, tiene conto esclusivamente delle misure introdotte da disposizioni nazionali.