fbpx

Displaying items by tag: contratti pubblici

7 Gennaio 2021

Vi informiamo che è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del31 dicembre 2020 il cosiddetto Decreto Milleproroghe 2021 (Decreto Legge 3 dicembre 2020, n. 183).

Tra le disposizioni, immediatamente in vigore, vi segnaliamo che sono state previste alcune proroghe anche nel settore dei contratti pubblici poichè sono state  prorogate le disposizioni transitorie già previste dai precedenti Decreto Rilancio(decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34) e dal Decreto Sblocca-Cantieri (decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32).

Nel dettaglio riportiamo le misure indicate nell’articolo 13 di particolare rilievo per il comparto:

1. proroga di 6 mesi delle “Disposizioni urgenti per la liquidità delle imprese appaltatrici ”previste dal Decreto Rilancio. Pertanto fino al 31 dicembre2021 le stazioni appaltanti possono riconoscere un’anticipazione fino al 30% (anziché 20%) del valore della prestazione ancora da eseguire nei limiti e compatibilmente con le risorse annuali stanziate per ogni singolo intervento a disposizione della stazione appaltante.

2. Estesa all’anno 2021 la previsione prevista nel Decreto Sblocca-Cantieri relativa alla possibilità di avviare le procedure di affidamento della progettazione anche nel caso di finanziamenti limitati alla sola attività di progettazione. Di conseguenza, rimane valido quanto previsto nello stesso decreto relativamente al carattere di priorità nell’assegnazione del finanziamento che acquisiscono le opere progettate avvalendosi di tale possibilità.

3. Proroga per il 2021 della possibilità per le stazioni appaltanti di ricorrere al cosiddetto “appalto integrato” nei casi di contratti di lavoro di manutenzione ordinaria e straordinaria (ad esclusione degli interventi che prevedono il rinnovo o la sostituzione di parti strutturali dell’opera o di impianti) sulla base del progetto definitivo così come previsto dal Decreto Sblocca-Cantieri.

4. È prevista la proroga fino al 30 giugno 2021 del limite del subappalto fino al 40% dell’importo complessivo del contratto. Si ricorda in proposito che il codice indica il limite del subappalto al 30% e tale scelta del legislatore è stata oggetto di una lettera di infrazione per l’Italia da parte della Commissione Europea per incompatibilità con la direttiva 2014/24 che non prevede limite al subappalto. E’ evidente che nonostante le proroghe la problematica relativa al subappalto è ancora viva.

5. È pure estesa al 31 dicembre 2021 la sospensione dell’obbligatorietà di indicazione della terna dei subappaltatori in sede di gara, “nonché le verifiche in sede di gara, di cui all'articolo 80 del medesimo codice(motivi di esclusione), riferite al subappaltatore.”

La natura delle disposizioni citate, ovviamente lasciano invariate le note criticità del Codice dei contratti pubblici che, come Confartigianato Imprese, stiamo cercando di risolvere in via legislativa. Purtroppo la discussione sull’auspicato Regolamento unico è ancora ferma e la natura di scelte transitorie non favorisce la chiarezza e la semplificazione nelle procedure.

Published in NEWS