fbpx

Scelgo Sano. La “Giani” di Massa e Cozzile ha scelto una mela e il latte per il logo

di Gina Nesti

PISTOIA – Trentatre bambini della scuola primaria “Giano Giani” di Massa e Cozzile hanno partecipato al progetto “Scelgo Sano” di Confartigianato impresa Pistoia, realizzato in collaborazione con Slow Food e Camera di commercio.

Diciannove scolari sono della prima classe. Quattordici della terza.

A raccontare il percorso intrapreso dalle due classi, sono le insegnanti Simona Borelli per la prima e Silvia Niccolai per la terza. Il poco tempo a disposizione non ha permesso compiutamente di partecipare al progetto, per cui le due insegnanti si sono concentrate al concorso del logo “Scelgo

“I bambini sono stati entusiasti di partecipare al progetto – spiega l’insegnate - e ci tenevano tanto ad avere il loro logo esposto al concorso che li vedrà protagonisti il 19 maggio alla Fortezza Santa Barbara . Hanno fatto anche l’orto in scatola ma solo come esperienza scolastica, non porteranno i lavori in esposizione”.

I bambini di entrambe le classi hanno partecipato ad un primo incontro con gli esperti di Slow Food, dai quali è stato spiegato il progetto e le finalità di Scelgo Sano. I piccoli hanno partecipato attivamente rispondendo, facendo molte domande e raccontando le loro esperienze in fatto di alimentazione.

Il secondo incontro con Slow Food è stato con un produttore di latte.

“E’ stata una bellissima esperienza – racconta Borelli -. Una magia per i bambini apprendere che il latte si trasforma in formaggio e altri derivati”.

Un incontro istruttivo, fatto da molte domande al produttore sulla fattoria sulla gestione degli animali e tutto il ciclo delle stagioni. Una mattinata molto educativa per i bambini.

Una riflessione sulla scelta del logo.

“Parlando con i bambini ho chiesto secondo loro quale fosse considerato cibo sano - racconta Borelli -. A loro veduta in mente la mela. La mela che non sempre è perfetta, ma probabilmente è proprio quando non è perfetta che è sana. E hanno pensato alla mela con il bachino, come a una mela sana che non ha avuto pesticidi, della quale, quindi, possiamo mangiare anche la buccia”.

Con un collage hanno realizzato una grande mela con un bachino che esce dalla stessa formando la “esse” di Scelgo Sano.

Diversa la scelta del logo dei bambini di terza.

“Dopo l’incontro con il produttore del latte e il fascino della spiegazione i bambini hanno pensato di realizzare un logo legato a questo alimento - spiega Niccolai -. Riflettendo sulle forme dell’artista Arcinboldo, hanno realizzato una sorta di ghirlanda costruita con le forme della frutta e della verdura. All’interno hanno posto uno smile che vuole significare che mangiare sano ci rende anche più sereni, felici e ci da un benessere generale”.