fbpx

Guida in 7 passi per pensionati titolari di trattamenti di importo basso

PISTOIA – Questa breve guida è stata redatta dall'Inps ed è consultabile anche sul portale Inps.

Passo 1

Controlla l’importo della tua pensione e le voci che la compongono

Passo 2

Verifica se hai diritto a trattamenti integrativi della pensione

Passo 3

Se benefici già di una prestazione collegata al reddito, ricordati di dichiarare all’INPS ogni anno i redditi rilevanti con il servizio online Dichiarazione reddituale – RED semplificato L’INPS, con la collaborazione dell’Agenzia delle Entrate, effettua ogni anno la rilevazione dei redditi dei pensionati per determinare la misura delle prestazioni che spettano per legge. Tuttavia in alcuni casi è necessaria la collaborazione dei pensionati: tali casistiche sono state descritte nella citata Circolare 195/2015. Se percepisci prestazioni collegate al reddito, come ad esempio l’integrazione al minimo, la maggiorazione sociale, l’assegno sociale, la quattordicesima e la pensione di reversibilità, e rientri nei casi in cui sei tenuto per legge a rendere annualmente la dichiarazione reddituale, puoi farlo direttamente con il servizio Dichiarazione reddituale – RED semplificato. Se non fai la dichiarazione nei termini previsti, per evitare la sospensione e la successiva revoca della prestazione collegata al reddito, devi presentare la domanda di Ricostituzione. Tieni presente che le verifiche sui redditi possono determinare il ricalcolo della pensione, il cui importo può aumentare o diminuire. Inoltre, in alcuni casi può essere necessario ricalcolare anche gli importi di mensilità pregresse, da cui può derivare l’erogazione di somme a titolo di arretrato o l’accertamento di somme indebitamente erogate, che devono essere restituite all’INPS.

Dal menu della pagina iniziale del portale INPS, seleziona Tutti i servizi per accedere, con codice fiscale e PIN o credenziali SPID, al servizio Cedolino pensione e servizi collegati, che ti permette di consultare i cedolini mensili della tua pensione e verificare l’importo lordo che percepisci e le voci che lo compongono. Nella scheda del servizio del portale INPS sono disponibili ulteriori dettagli su tutte le funzionalità a tua disposizione.

Dalla pagina iniziale del sito INPS, seleziona il profilo Pensionato, seleziona nel menu in alto “Per orientarsi” e consulta la scheda Le prestazioni collegate al reddito rivolte ai pensionati. Queste prestazioni (ad esempio integrazione al trattamento minimo, maggiorazioni sociali, quattordicesima) possono essere richieste a seconda dell’importo della pensione percepita e del reddito prodotto ogni anno. Per l’elenco completo delle prestazioni collegate al reddito e dei redditi da dichiarare per la verifica del diritto e della misura, vedi anche la Circolare n. 195/2015 e il messaggio Hermes n. 4023/2016.

La restituzione può avvenire ratealmente anche mediante trattenute sulle rate mensili della pensione, che puoi concordare fissando un appuntamento allo Sportello Amico. Accedendo al servizio Cedolino pensione e servizi collegati, puoi verificare se vi sono state variazioni nell’importo mensile della pensione per somme che l’INPS deve recuperare. Tra le eventuali trattenute a conguaglio può rientrare anche l’importo della Quattordicesima, che l’INPS corrisponde in via provvisoria a fine luglio o a fine anno in automatico, in base al requisito reddituale e ai dati presenti in archivio. Tutte le notifiche relative all’erogazione e recupero della Quattordicesima ti vengono comunicate per posta. Puoi consultarle tramite il servizio Cassetta postale online.

Passo 4

Controlla se fruisci delle detrazioni fiscali e se hai diritto ai Trattamenti di famiglia

Passo 5

Verifica se hai diritto alla Pensione di Cittadinanza, compila e invia la tua Dichiarazione Sostitutiva Unica – DSU e invia la domanda di PdC Se hai 67 anni, con i requisiti reddituali e patrimoniali stabiliti dalla legge, potresti avere diritto alla Pensione di Cittadinanza (PdC). Per conoscere i requisiti che ti danno diritto a richiedere la Pensione di Cittadinanza e le modalità per presentare la domanda, consulta la Scheda Prestazione Reddito di cittadinanza e Pensione di cittadinanza e il Manuale sul Reddito e la Pensione di Cittadinanza. Al fine di permettere all’INPS di verificare se hai i requisiti reddituali e patrimoniali richiesti, prima di presentare la domanda di PdC, devi compilare e inviare online la tua Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) seguendo le istruzioni contenuti nella scheda Come compilare la DSU e richiedere l'ISEE. INPS elaborerà poi il tuo ISEE (Indicatore di Situazione Economica Equivalente) e provvederà ad associarlo alla domanda da te presentata, che potrai consultare tramite l’apposito servizio online nel portale Inps. Utiizzando il Simulatore presente nel portale puoi verificare da te se il tuo ISEE ti dà diritto alla Pensione di Cittadinanza, prima di presentare la DSU e la domanda.

Accedi tramite la scheda informativa al servizio online Detrazioni fiscali: domanda e gestione, per verificare tutte le detrazioni fiscali che hai già richiesto, modificare i dati già forniti o chiedere altre detrazioni d’imposta. Il familiare è fiscalmente a carico se il suo reddito annuo lordo non supera i 2.480,51 euro; inoltre, se il familiare è di età inferiore ai 25 anni è da ritenersi fiscalmente a carico se il suo reddito annuo lordo non supera i 4.000 euro. L’importo della tua pensione può variare anche in relazione alle ritenute fiscali applicate alla tua pensione. Ulteriori dettagli sul servizio sono disponibili nelle schede Dichiarazione di detrazione d’imposta per pensionati residenti in Italia e Applicazione delle detrazioni fiscali per pensionati residenti all’estero pubblicate nel portale. Se hai familiari a carico, potresti anche avere diritto ai trattamenti di famiglia come l’Assegno al nucleo familiare (vedi Circolare n.66/2019) o gli Assegni familiari (vedi Circolare n. 125/2018).

Se hai già inviato la tua DSU, accedendo con codice fiscale e PIN o SPID o CNS al portale Inps e poi al servizio ISEE post-riforma 2015, potrai effettuare la simulazione trovando già precompilati i campi del simulatore con i dati della tua DSU. Per presentare la domanda di PdC il modulo da utilizzare è l’SR180, mentre per comunicare ulteriori redditi, non rilevati nell’ISEE, o attività lavorative intraprese occorre utilizzare i moduli SR181 e SR182. I moduli accessibili dai link presenti in questa guida sono reperibili nel portale INPS inserendo nel campo ricerca in alto a destra il codice del modulo di proprio interesse oppure accedendo alla sezione Tutti i Moduli e inserendo nel campo di ricerca l’acronimo “PdC”. Per ulteriori informazioni consulta il sito https://www.redditodicittadinanza.gov.it/

Passo 6

Verifica se hai diritto alla pensione supplementare o al supplemento di Pensione

Passo 7

Se sei residente all’estero, controlla se puoi richiedere l’applicazione delle convenzioni contro la doppia imposizione fiscale

www.inps.it Contact Center 803 164 – gratuito da rete fissa 06 164164 - da cellulare, secondo i costi del tuo gestore telefonico

Se sei titolare di pensione e hai contributi versati anche nella Gestione Separata o nell’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) o se hai continuato a lavorare dopo la pensione versando i contributi, puoi avere diritto alla Pensione supplementare o a un Supplemento sulla pensione già percepita. Verifica nel sito se puoi presentare la domanda, selezionando la funzione Prestazioni e Servizi dalla pagina iniziale e consultando le schede: Pensione supplementare per contribuzione versata all’AGO – Supplemento di pensione per i pensionati che continuano a contribuire

Se sei un pensionato residente in Paesi con cui l’Italia ha stipulato convenzioni contro le doppie imposizioni fiscali e sei in possesso dei requisiti da esse previsti, puoi richiedere all’INPS l’applicazione alla pensione del regime fiscale da esse previsto inviando alla sede che gestisce la pensione il modulo CI531 - EP-I/1 ingl in originale, completo dell’attestazione di residenza fiscale rilasciata dalla competente autorità fiscale estera. Per sapere con quali Paesi l’Italia ha stipulato queste convenzioni e conoscerne il contenuto puoi consultare la scheda: Lavoratori migranti > Approfondimenti > Normativa fiscale residenti all’estero.

SFOGLIA ON LINE

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2019

CARTA SERVIZI

ESPORTIAMO

banca del monte di lucca