Scelgo Sano, ai bambini della “Cino” piace Slow Food

 

di Gina Nesti

PISTOIA – I bambini della scuola primaria “Cino da Pistoia”, sono rimasti particolarmente affascinati da Slow Food, i cui rappresentanti hanno incontrato nel percorso del progetto di Confartigianato Imprese Pistoia, “Scelgo Sano”.

Siliana Lucarelli, maestra della prima classe, ha sottolineato infatti, come i piccoli alunni abbiano apprezzato questa iniziativa, ma come sia rimasti colpiti dall’incontro con gli esperti di Slow Food: Piero Capecchi per il pane, Elisabetta Scorcelletti per la cioccolata.

Capecchi, fornaio di lunga data, ha sintetizzato ai bambini qual è il processo per arrivare al pane: dal chicco di grano, alla macinatura, alla farina fino alla realizzazione del pane sfornato. Scorcelletti ha spiegato, invece, l’origine del cacao che viene estratto da una pianta, le varie trasformazioni per arrivare alla produzione del cioccolato nelle sue varie forme.

I bambini hanno apprezzato molto il fatto che il cioccolato non faccia male, ma solo se fondente e mangiato a piccole dosi una volta ogni tanto. Non a caso la maestra ha scelto proprio il cioccolato fondente per una piccola merenda durante il nostro incontro.

“Un pezzettino di cioccolato ogni tanto non fa male - ha detto Lucarelli -. Mi sono resa conto che molti bambini facevano una merenda abbondante ma non corretta dal punto di vista nutrizionale. Abbiamo sentito la necessità di introdurre il consumo di una merenda nutriente, sana che sia fonte di energia necessaria al fabbisogno dei bambini”.

Una scelta più salutare, ma che non comprometta di togliere l’appetito ai pasti principali e non influisca in modo negativo sul tasso di attenzione degli alunni dopo la ricreazione.

“Un progetto importante quello di Scelgo Sano che ha la finalità di far riflettere i bambini sull’importanza di una sana alimentazione - ha detto Lucarelli -. Di avvicinarli ad un’alimentazione ricca di prodotti sani ed equilibrati. Di sostituire le merendine ricche di zuccheri, con frutta, yogurt, dolci fatti in casa. Questo progetto, attraverso i bambini coinvolge anche i genitori che sono stati chiamati ad aiutare a realizzare il progetto La merenda sana in un click”.

La merenda proposta per il concorso sarà scelta tra pane con l’olio, con la marmellata, pane olio e pomodoro, frutta, yogurt e cereali e cioccolato fondente.

Per il logo Scelgo Sano i bambini stanno lavorando per realizzare un marchio che rappresenti l’orto didattico che l’insegnante ha creato in un angolo del giardino della scuola, dove ha piantato le erbe aromatiche e gli alberi da frutto, un’idea, secondo Lucarelli, che si sposa bene con il progetto Scelgo Sano”.

Per L’orto in scatola da esporre il 19 maggio alla fortezza Santa Barbara, hanno messo a dimore le piantine di fragole.

Dagli incontro con Slow Food, Edoardo ha imparato che è meglio mangiare la frutta e la verdura perché la schiacciata e la pizza non sono molto salutari.

Luis ha imparato che la verdura va mangiata sempre e quando non c’è la verdura bisogna mangiare la frutta.

Per Bianca è meglio mangiare la frutta, perché a lei la verdura non piace.

Ambra ha capito che la frutta e la verdura sono dietetiche, e lei mangia tante carote.

Per Chiara è meglio mangiare la verdura perché se si mangiano troppi dolci vengono le carie ai denti e bisogna fare tantissima ginnastica.

Per Tina occorre mangiare frutta e verdura perché fanno bene, mentre i dolci vanno mangiati qualche volta, altrimenti fanno venire le carie.

Per Dilan è meglio mangiare tanta frutta e verdura, così sei sano e forte e prendi tante energie.


SFOGLIA ON LINE

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2019

CARTA SERVIZI

ESPORTIAMO

banca del monte di lucca